Ischia vista e raccontata da Ischitani

Veliero nel porto di Napoli

Foto di Paola Casulli

CANON EOS 350D Digital

1/400 sec

16.0f/

ISO:400

Distanza focale 47.0mm

10 Commenti
  1. Il punctum è proprio la pendenza strana e particolare. Non so il motivo ma questa foto mi affascina, contestualizzata al piacevole soggetto e ambiente. Da questi scatto come dice Roberto c’è una capacità comunicativa notevole, e no direi chela tua tecnica lascia a desiderare te la cavi degnamente.

  2. Bellissima idea quella di farne un poster! Lo farò.

    Grazie a tutti. 🙂

  3. La trovavo particolare …
    Infatti 🙂
    vedo che confermate

  4. Molto emblematica questa foto da stampare in fomato gigante e da mettere al muro bella cornice in legno.
    Fossi in te lo farei. Complimenti

  5. Si, sembra facile. In verità io ho un ottimo programma di fotoritocco, ma è talmente difficile che lo uso per gli effetti più elementari… Provo a seguire le tue indicazioni (chiarissime peraltro).

    Ti farò sapere dei miei disastri.. eheheh 🙂

    Grazie!

  6. il disturbo può essere aggiunto duplicando l’immagine nei livelli (per conservare una copia dell’originale per ogni rollback), dopodichè andando nel menù filtro->disturbo->aggiungi disturbo. le opzioni sono abbastanza semplici, in quanto con la prima barra orizzontale puoi aumentare o diminuire il livello del disturbo, mentre le altre due opzioni sono per scegliere la qualità del disturbo, se di tipo uniforme (disturbo uniforme e meno marcato) o gaussiana (disturbo accentuato e abbastanza forte). una volta scelto il livello di disturbo basta applicarlo, et voilà! per la texture il discorso si fa ancora più facile, perchè basterà cercane una adatta attraverso google e il gioco è fatto, basterà aprire l’immagine che scaricherai con photoshop, selezionare tutto tramite il menù selezione->tutto, copiare con il comando ctrl-c o mela-c, incollare sulla tua immagine e usare lo stumento trasforma per applicare la texture su tutta l’immagine o su una sola parte. tutto dipende da quello che vuoi. ovviamente una volta applicata la texutre dovrai utilizzare la fusione dei livelli per fondere entrambe le immagini e dare l’effetto desiderato. ricorda che i livelli possono essere attenuati diminuendo l’opacità. comunque ci sono centinaia di video su youtube che spiegano passo passo il procedimento, per il resto la tua immaginazione è l’unico freno 🙂

  7. Interessanti modifiche!
    La foto non ha subito nessun ritocco salvo il passaggio da foto a colori a foto in bianco e nero virato al seppia. La luce sul maschio è un riverbero del sole che in quella a colori si vede molto bene (ce l’ha Gianni in posta elettronica. Gli avevo dato la facoltà di scegliere quella che secondo lui risultava più gradevole).
    Tuttavia mi piacerebbe sperimentare il “disturbo” che consigli tu e la texure “grunge” per renderla anticata. E anche il contrasto sul canale della luminosità. Il risultato sarebbe molto molto bello… immagino… ma non so come si fa.. 🙁

  8. a volte ci lasciamo trarre in inganno dalla tecnica, perdendo l’obbiettivo comunicativo che ci siamo prefissi, quindi non mi soffermerei sulla tua mancanza di tecnica, ma sulla tua capacità comunicativa! tra l’altro ho notato una particolare grana nelle zone sottoesposte e un flare sul maschio angioino, io avrei accentuato l’effetto “antico” aggiungendo un leggero disturbo su tutta la foto e magari una texture “grunge” per dare l’idea di una foto d’epoca. in più avrei dato una leggera maschera di contrasto sul canale della luminosità (se vuoi ti spiego come fare), perchè amo la nitidezza delle immagini, non per altro. comunque questi sono tutti interventi che avrei fatto a livello personale, ma che non tolgono assolutamente niente alla bellezza del tuo scatto!

  9. Ciao Roberto! 🙂
    Si, mi trovavo sull’aliscafo in effetti. Era un terso pomeriggio di ottobre.
    Appena ho visto il veliero ho scattato una decina di foto. (almeno, se non di più).
    Da lontano e man mano che mi avvicinavo. Troppo splendore non poteva non essere immortalato! Certo la mia tecnica lascia molto a desiderare…..anzi non la posseggo affatto, ma l’occhio per le cose belle si. 😉

    grazie!

  10. sono rimasto davvero stupefatto da questa fotografia, la scelta dell’effetto seppia la trovo davvero magnifica, e poi l’inclinazione della fotografia mi ricorda molto le fotografie dei velieri tipo il Vespucci! di sicuro ti trovavi sull’aliscafo, quindi devi aver avuto una prontezza di spirito non indifferente per scattare una foto del genere. chapeau!

Rispondi

My work Restaurant Alberto

Archivi

Iscriviti con mail

Newsletter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: