Ischia vista e raccontata da Ischitani

Io ed il Gabbiano – Ischia ricordi – Natura

Gino ed il gabbiano

IO ED IL GABBIANO

un pomeriggio d’inverno a Palmarola dopo una battuta di pesca, trovai un uovo di gabbiano sugli scogli, lo raccolsi e lo covai per tutta la notte tra le gambe al caldo; venni beffeggiato e deriso dai rudi compagni di viaggio, tutti pescatori e cacciatori, veri uomini, che mi consideravano un povero imbelle! al mattino l’uovo schiuse ed uscì il pulcino, e naturalmente svegliai tutto l’equipaggio che era a bordo con me; come d’incanto i rudi pescatori e veri uomini, si trasformarono in affettuose balie, tutti a pescare all’alba, per rifocillare il neonato . Ho tenuto con me il gabbiano libero sul balcone di casa; aveva imparato a riconoscere l’autovettura di mia madre che, al ritorno dal mercato, gli portava le alici da mangiare. D’estate lo portavo con me a mare con il mio gozzo. Appena ormeggiati spiccava il volo e rientrava quando mettevo di nuovo in moto il motore del gozzo. Un giorno però volo via dal gozzo e non tornò più. Nei giorni successivi ebbi occasione di scorgerlo perchè volava basso sul gozzo quando arrivavo nella baia dove ero solito ormeggiare. sapevo che era vivo e libero e questo mi bastava.

La foto è la scansione di una mia vecchia fotografia perché non sono riuscito a trovare il negativo.

6 Commenti
  1. Veramente una bella storia, bello anche il documento fotografico.
    Un caro saluto a voi ed alla vostra bella isola…
    Gianfranco

  2. Devo dire e’ stata davvero una bella esperienza! Grazie ragazzi 🙂

  3. Giorgio quello che farò con mio figlio, hai perfettamente ragione .
    Stupenda

  4. Gino questa storia è di una bellezza disarmante… da brividi!!
    Da raccontare ai bambini, sembra una favola!!
    Complimenti!!

  5. Gino
    un’esperienza di vita unica e rara. Invidio questi tuoi momenti vissuti in simbiosi perfetta con la natura. Ti ringrazio che ci hai concesso di condividere questa storia stupenda. Onorevole e degno di Nobile sensibilità il tuo Amore verso Madre Natura.
    Compimenti

  6. Una bella avventura, grazie Gino per aver condiviso con noi questa storia

Rispondi

My work Restaurant Alberto

Archivi

Iscriviti con mail

Newsletter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: