Ischia vista e raccontata da Ischitani

Wet – Maronti Barano Ischia lunga esposizione

Foto di Giovanni Mattera

Foto di Giovanni Mattera

Oggi pomeriggio non c’è la facevo più a lavorare al pc, tra il trasferimento dominio del blog  dal vecchio albertoischia.it/blog  al nuovo http://www.nostraischia.it. Poi il  redirect del Corso di fotografia da albertoischia.it a  http://www.corsofotografia.org/ ,  cambio hosting per  http://www.albertoischia.it/ e finalmente lasciare il sito da solo come un vero  Ristorante  e le sue parole chiavi d’origine. Infatti google  tra la presenza del blog, gli articoli per il corsi di fotografia e tarantelle varie,  sul serio si  ubriaca e non capisce più nulla quando  entra per monitorare il  mio sito 🙂  ehehehe  in ultimo un progetto a cui tengo molto, creare una community di fotografia ed arte non solo Ischitana ma del Sud,  http://nostraischia.it/foto/index.php.  Progetto   arduo e difficile, ma no demordo. Così sto da  non ricordo, forse 8 giorni sempre al PC per circa 14 ore. Sono veramente esausto.  Oggi pomeriggio sentendo il  tremendo Urlo di scirocco che arriva qui a Fiaiano, non ho resistito e orami stanco del PC,  ho preso la fotocamera e sono andato verso i  Maronti  la spiaggia più fotografata di Ischia. Mare superbamente cattivo ed Hard Rock, violento come non mai. Ero nel mio  habitat naturale, c’erano due ardui fotografi una dolce coppia tutti impacchettati  che vibravano al vento cercando di fotografare la meravigliosa scena, poi il nulla oltre a vento e onde stupende. Vadoooooo, eh si vado giù , vento fortissimo che mi obbligava a fare da paravento alla fotocamere per non avere micro mossi saltando per evitare le onde, ma nonostante queste complicazioni mi sono divertito da matti a giocare con loro. Chi ha già fatto fotografie del genere sa bene la difficoltà del punto di ripresa, talvolta a causa di una cabina, un ristorante, muri  ed altro, sei costretto a spostarti se cerchi l’inquadratura ideale. Per questi motivi tante volte  capita inevitabilmente  di posizionarci troppo a limite delle onde ……  Che ve lo dico a fare ??  🙂 mi sono fatto un papariello, un’onda più che anomala è arrivata come una Ferrari e mi ha bagnato  sino ai ginocchi,  ma ne  è valsa la pena. Ho la foto molto mossa e artistica, la pubblicherò 🙂

Barano Ischia poco fa dalla stupenda spiaggia dei Maronti.

Gianni Mattera

Versi di Nunzia Ferrandino – aggiornato al 12/02/13 ore  07:29

Poco minuti fa ho visto sotto questa mia foto su Facebook i versi di Nunzia Ferrandino che pubblico con grande piacere. Grazie Nunzia

l cielo finisce dove comincia il mare.Orizzonte li separa coi suoi strani giochi.Un’onda si getta sull’altra,come corpi,insieme, danzano,vorticose,giocano, si inebriano di sale,si leccano le dita e poi giungono,meste,a riva,per morire,insieme.Collante,il sole,a sera si getta nel mare per lasciare il posto a luminosa seta intrecciata da ago di luna.al mattino,mesto,riaffiora,con labbra umide di dolci sapori.

Rispondi

Log in with Facebook




Forgot?
Registrati

My work Restaurant Alberto

Archivi

Iscriviti con mail

Newsletter

Facebook login by WP-FB-AutoConnect
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: